itenfrdejaptrorues

    AZIENDE AMICHE DEL PARCO: Tarricone Pasquale

    logo evento

    Ubicazione
     
    76123 – Andria (BT) – Località Contrada Finizio SP 234
     
    Contatti            
     
    Tel. Abitazione: 0883569836 - Tel. Cellulare: 3388538037 – 3281140115 - Fax: 0883569836
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    www.agriturismoseicarri.it/contatti.html
     
    Tabella sintetica
    AZIENDA TARRICONE PASQUALE
    Nome storico del centro aziendale Masseria Sei Carri
    Coordinate geografiche del centro aziendale X 605042; Y 4548570
    SAU 145,61 ha
    SAT 231,91 ha
    Vegetazione naturale/seminaturale   82,62 ha
    Territorio comunale Andria
    Agriturismo SI
    Fattoria didattica SI
    Appartenenza a consorzi o associazioni territoriali SI
    Azienda con prodotti agricoli certificati in biologico SI
    Presenza allevamento animali SI
    Allevamento brado SI
    Trasformazione dei prodotti in azienda SI
    Vendita prodotti presso azienda SI
    Tipologia di prodotti venduti in azienda Formaggi freschi e stagionati, ricotta, e prodotti ortofrutticoli.
    Tipologie colturali principali Cereali, foraggio leguminose.
     
    PRODOTTI AZIENDALI e servizi
    Dal latte munto dal gregge aziendale si producono ricotta e formaggi. La produzione casearia viene quasi totalmente utilizzata per le necessità dell’agriturismo o per la vendita diretta in azienda. Degna di nota è la presenza dei prodotti caseari realizzati con latte caprino.
    L’azienda può vantare la presenza di un agriturismo con servizio ristorazione e 21 posti letto; è Masseria Didattica,  camper-service, maneggio ed a disposizione degli ospiti ci sono 10 mountain bike.  
     
    INTRODUZIONE
    L’Azienda agricola “Sei Carri” del Sig. Pasquale Tarricone sita in agro di Andria è tra le più importanti mete agrituristiche nella zona di Castel del Monte, da cui dista solo pochi chilometri. Valore aggiunto dell’azienda è la sua conduzione, che vede un intero nucleo familiare diviso tra le attività agro-zootecniche, agrituristiche e didattiche; questo aspetto, in continuità col il passato, permette al visitatore di riscoprire tutto il calore e la genuinità delle genti murgiane.
    L’azienda possiede un gregge ovi-caprino con circa 600 capi, ma è dedita anche all’allevamento equino, con la presenza di 30 cavalli di razza Murgese e Avelignese, utilizzati per le didattiche e per le escursioni a cavallo. L’intraprendenza e la lungimiranza dei proprietari, specialmente della signora Ippolita, ha permesso di integrare il reddito proveniente dalle attività agro-zootecniche, con quelle legate alla ristorazione, all’ospitalità, alla educazione ambientale ed al turismo verde. In futuro l’azienda prevede la realizzazione di mini-strutture per il turismo rurale e di fornire alloggi per attività formative. L’Azienda “Sei Carri” si configura come una delle realtà più dinamiche dell’intero comprensorio murgiano, così come i suoi proprietari risultano interlocutori ideali in un processo partecipato di sviluppo agricolo e turistico eco-compatibile.
     
    POSIZIONE E RAGGIUNGIBILITA’
    L’agriturismo è sito in Contrada Finizio, raggiungibile mediante SP 234 (ex-SS 170); un cartello indica la svolta verso l'agriturismo, collegato alla ex-statale tramite circa 2 km di strada asfaltata.
     
    ASPETTI PAESAGGISTICI E STORICI
    La sagoma affascinante ed imponente del Castel del Monte domina lo skyline dall'agriturismo in direzione Est, elevandosi regale sulle colline circostanti. Volgendo lo sguardo in direzione opposta, verso Nord e verso Ovest, la Murgia si riprende il suo spazio, puntellata dal vicino Jazzo “Sei Carri”, recentemente ristrutturato. La presenza di zone boscate nasconde in parte  lo jazzo "Posta Grande San Leonardo", che, ridotto ormai ad un rudere, testimonia i tempi della transumanza.
    I terreni aziendali sono attraversati dal canale dell'Acquedotto Pugliese, un’opera ingegneristica del secolo scorso degna di particolare attenzione. Nella zona più prossima alla strada d’accesso all’agriturismo, la presenza di trulli e casette in pietra testimoniano il recente passato produttivo di questa zona, quando i vigneti occupavano la zona più ricca di suolo. Nelle immediate vicinanze dell'azienda è presente anche il Bosco di Finizio, un’area rimboschita negli anni 70-80.
     
    ASPETTI NATURALISTICI ED ESCURSIONISTICI
    Mirabili esempi di pascoli arbustati coprono le colline dietro l'azienda, perastri e biancospini si intervallano a rocce affioranti ed alle essenze erbacee del pascolo arido murgiano. L’azione continua del gregge dell'azienda Tarricone, assicura la permanenza di questo tipo di habitat e mantiene l'equilibrio tra specie erbacee ed arbustive. Qualche sparuta roverella, di notevoli dimensioni, punteggia il pascolo, mentre oltre il muretto ad Est che segna il confine aziendale, ha inizio un bosco ceduo di roverella, con qualche albero di dimensione imponente. Lame a fondo coltivato si insinuano tra le colline, mentre i fianchi più ripidi delle stesse ospitano campi carreggiati ben conservati. A questo proposito, il toponimo della zona, "Monte Pietroso”, conferma la suggestiva rocciosità e la scarsità di suolo con copertura vegetale.
     
    IL PROPRIETARIO RACCONTA
    L'azienda è stata da sempre gestita dai Tarricone, prima di Pasquale c’era suo padre che la gestiva in qualità di fittuario. La signora Ippolita, vera linfa vitale dell’azienda, dopo aver sposato il sig. Pasquale, si è trasferita in campagna, fornendo un contributo importantissimo in termini di manodopera ed intraprendenza alla conduzione aziendale.
    La signora racconta come è cominciata l’attività agrituristica: il padre del sig. Pasquale, cacciatore, ospitava spesso, in periodo di caccia, altri cacciatori, offrendo ospitalità come fossero persone di famiglia. Un giorno però la signora Ippolita, cuoca in quelle occasioni conviviali, ha pensato, di proporre una contropartita economica ai cacciatori che si fermavano a pranzo, contro il volere del suocero. "Io porto i pantaloni, perché li so portare"! Disse la signora Ippolita al suocero che la accusava di non obbedire ai suoi voleri.
    Così l'ospitalità ai cacciatori è diventata pian piano ospitalità ai visitatori, senza perdere il sapore genuino delle tradizioni ed il calore delle genti locali.
     

    {gallery}officinadelpiano2013/PROGETTO AGROECOSISTEMI/azione1/FOTO/FOTO PAM_008_Tarricone P:::0:0{/gallery}
    Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn