itenfrdejaptrorues

    AZIENDE AMICHE DEL PARCO: Sette Giuseppina

    logo evento

     Ubicazione
     
    70022 – Altamura (BA) - Località Murgia Sgolgore, SP 235, km 9,200
     
    Contatti            
     
    Tel. Abitazione: 080/3140109  Tel. Cellulare: 3393157318         
     
    Tabella sintetica
    AZIENDA SETTE GIUSEPPINA
    Nome storico del centro aziendale NO
    Coordinate geografiche del centro aziendale X 640873 ; Y 4520153
    SAU 35,00 ha
    SAT 35,00 ha
    Vegetazione naturale/seminaturale 40,00 ha(in comodato per pascolo)
    Territorio comunale Altamura
    Agriturismo NO
    Fattoria didattica NO
    Appartenenza a consorzi o associazioni territoriali NO
    Azienda con prodotti agricoli certificati in biologico NO
    Presenza allevamento animali SI
    Allevamento brado SI
    Trasformazione dei prodotti in azienda SI
    Vendita prodotti presso azienda SI
    Tipologia di prodotti venduti in azienda Uova, latte.
    Tipologie colturali principali Foraggio
     
     
    PRODOTTI AZIENDALI
    L’azienda produce latte ovino e bovino, distribuito a caseifici locali per la produzione di prodotti lattiero-caseari. Gli animali dell’azienda si alimentano nei pascoli naturali o con foraggio prodotto nei seminativi aziendali. Ai macellai dei paesi limitrofi all’azienda vengono venduti anche animali da macello.
     
    INTRODUZIONE 
    L’azienda della Sig.ra Sette Giuseppina è una piccola realtà, che comprende 35 ettari occupati da seminativo, un piccolo orto ed un uliveto. Per il pascolamento degli animali,  250 capi di razza comisana e 60 bovini meticci, i proprietari devono fittare parte dei pascoli naturali presenti nelle vicinanze dell’azienda.
     
    Posizione e raggiungibilità
    Da Altamura prendere la SP 235 direzione Santermo in Colle, dopo circa 9,2 km svoltare a sinistra sulla seconda traversa dopo l'incrocio tra la SP 235 e la Stazione di Casal Sabini; si procede per circa 2,7 km e si  svoltare a sinistra immettendosi nell'azienda Sette.
     
    ASPETTI PAESAGGISTICI E STORICI
    Vedi scheda num. 5
     
    ASPETTI NATURALISTICI ED ESCURSIONISTICI
    Vedi scheda num. 5
     
    Il proprietario racconta
    Giuseppe Perrone, marito della Sig.ra Sette, fa parte della famiglia Perrone, che acquistò le terre in questa zona negli anni “20 del secolo scorso, spostandosi dalla vicina zona del Viglione, agro di Santeramo.  La località “Viglione” era caratterizzata da ristagni idrici per buona parte dell'anno e, di conseguenza, era un’area malsana per la presenza della zanzara anofele.
    Per difendersi dalla malaria le famiglie residenti cercavano di passare poco tempo all'aperto ed i bambini erano costretti a stare in casa. L'abitazione dei Perrone era dotata di poche finestre, tra cui un finestrino sopra la porta d’ingresso, che era tenuto chiuso, per evitare l’ingresso degli insetti molesti e pericolosi; i piccoli di casa, non capendo il pericolo, tentavano continuamente di aprire il finestrino o la porta per uscire, mentre la loro madre si dotava di un ramoscello che usava a mo’ di scudiscio per tenerli, amorevolmente, a bada.
    Trasferitisi al Graviglione, i Perrone si resero conto che la rocciosità superficiale del suolo non consentiva le coltivazioni, se non nelle lame, ed era per questo motivo che, con un investimento non troppo consistente erano riusciti ad acquistare queste terre, poco appetite dagli  agricoltori altamurani, che preferivano zone più fertili. L’unica cosa che rimaneva da fare, fu, ancora una volta, rimboccarsi le maniche  e lavorare: non essendoci ancora attrezzi meccanici atti ad eliminare le pietre, la spietratura era effettuata manualmente ed il materiale raccolto era impiegato per costruire specchie, trulli e muretti a secco. Man mano che il progresso tecnologico giungeva sull’altopiano murgiano, vennero impiegate nuove tecniche, come quella di posizionate ad hoc nella bancate calcaree piccole cariche esplosive, per "sbancare" la roccia e ricavare metri quadri preziosi per piantare qualche albero.
     

    {gallery}officinadelpiano2013/PROGETTO AGROECOSISTEMI/azione1/FOTO/FOTO PAM_031_Sette G:::0:0{/gallery}
    Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn