itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

Consultazione pubblica: PATTO AMBIENTALE - ECOSISTEMA MURGIA

Formulazione della Piano Economico e Sociale della Comunità del Parco dell'Alta Murga (art. 14 L.394/91)

 La legge n.394/91 prevede – “Iniziative per la promozione economica e sociale” nelle Aree protette del Paese.
La Comunità del Parco dell'Alta Murgia ha inteso attivare ogni iniziativa utile approvando il "PATTO AMBIENTALE Ecosistema Alta Murgia" per il varo del piano pluriennale economico e sociale per la promozione delle attività compatibili. Tale piano è sottoposto al parere vincolante del Consiglio direttivo ed è approvato dalla Regione Puglia. Il piano può prevedere in particolare: la concessione di sovvenzioni a privati ed enti locali; la predisposizione di attrezzature, impianti di depurazione e per il risparmio energetico, servizi ed impianti di carattere turistico-naturalistico da gestire in proprio o da concedere in gestione a terzi sulla base di atti di concessioni alla stregua di specifiche convenzioni, l'agevolazione o la promozione, anche in forma cooperativa, di attività tradizionali artigianali, agro silvo-pastorali culturali, servizi sociali e biblioteche, restauro, anche di beni naturali, e ogni altra iniziativa atta a favorire, nel rispetto delle esigenze di conservazione del parco, lo sviluppo del turismo e delle attività locali connesse. Una quota parte di tali attività deve consistere in interventi diretti a favorire l'occupazione giovanile ed il volontariato, nonché l'accessibilità e la fruizione, in particolare per i portatori di handicap. Il piano ha durata quadriennale e può essere aggiornato annualmente con la stessa procedura della sua formazione.
A tale scopo l'Ente Parco con provvedimento n. 17/2018 ha approvato "PATTO AMBIENTALE Ecosistema Alta Murgia", come previsto dalla norma, ha avviato un tavolo con la Regione Puglia - Assessorato Pianificazione territoriale - Urbanistica, Assetto del territorio, Paesaggio.
Al fine di dare completa attuazione alle previsioni della suddetta norma, e nel rispetto dei principi di partecipazione dei cittadini previsto nello Statuto dell’Ente si è ritenuto raccogliere - attraverso una Consultazione pubblica i contributi di soggetti pubblici e privati portatori di interessi.
Ciò al fine di ampliare, in una logica bottom-up, in ossequio al principio di rapporto di sussidiarietà con gli attori del territorio, la platea dei soggetti interessati partecipanti al processo di elaborazione di una strategia condivisa e consapevole delle aspettative, ruoli e funzioni dei diversi attori territoriali.
Oltre ai cittadini potranno contribuire gli interlocutori istituzionali anche i soggetti pubblici e privati portatori di interessi.

I soggetti interessati potranno inviare i propri contributi, entro il 20 settembre 2018, all’indirizzo:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn